Petizione

img_1867

Museo Wiertz, Parco Léopold… : STOP all’assalto degli uffici del Parlemento europeo e la privatizzazione dello spazio pubblico

In occasione del ridispiegamento delle sue attività durante la ristrutturazione della ‘Caprice des Dieux’, il Parlamento europeo tenta di impossessarsi del parco e casa di Antoine Wiertz, adiacente al museo omonimo.

Pittore stravagante e surreale prima della lettera, Wiertz vi si stabilì intorno al 1850. Nel suo testamento, lasciò in eredità tutti i suoi dipinti allo Stato belga, a condizione che il suo studio rimanesse aperto gratuitamente al pubblico e che la sua casa ospitasse artisti in residenza. Hendrik Conscience, il Victor Hugo fiammingo, ci morì nel1883. Il giovane Auguste Rodin a debuttato la sua formidabile carriera artistica in uno dei tanti laboratori installati in prossimità del Maestro.

Oggi, molti negozi sono stati rasi per fare posto a uffici. Il Museo Wiertz e il suo parco vincolato sono diventati il baluardo contro l’enorme pressione esercitata dal Parlamento europeo sull’intera area della chaussée de Wavre e del Parco Leopold. Trascurati da un governo federale indolente, hanno finalmente suscitati i desideri insaziabili del loro enorme vicino. Mentre il triste ‘Caprice des Dieux’ si darà una bella sistemata, la casa del pittore e il suo giardino diventerebbe il luogo ‘accogliente’ per festini tra persone di buona composizione.

Con l’aria che tira in questi giorni, le misure di sicurezza nelle quali si deliziano le istituzioni europee avranno necessariamente ripercussioni negative sul Museo Wiertz e ciò che è stato conservato dello spazio pubblico e la diversità urbana nei dintorni. Con il grande ritorno del cosiddetto ‘façadisme’ recentemente sancito dall’installazione a forza di calzascarpe di ‘Casa della storia europea’ nei muri dell’ex Istituto Eastman (Parco Leopold), ci dovremmo anche aspettare la costruzione di 3 piani supplementari sulla casa del pittore della quale solo le facciate sarebbero conservate?

Noi siamo quelli che abitano ancora la città e che sono anche abitato da lei, inamorati dal patrimonio di Bruxelles, utenti dei suoi luoghi culturali, attori economici locali o passeggiatori della domenica. Vogliamo uno spazio pubblico che lo rimane e musei aperti a tutti. Chiediamo alle autorità del Belgio e di Bruxelles che fermano l’onda amministrativa devastante e le sue tante misure di sicurezza nel parco e nel Quartier Leopold.

Ci opponiamo alla presa di possesso delle amministrazioni europee sul Museo Wiertz e le sue dipendenze. Piuttosto che la vendita al Parlamento europeo (per un euro simbolico!), chiediamo al governo belga di onorare la memoria e la volontà di Antoine Wiertz, di riaprire la sua casa per ospitare artisti, assicurare lo sviluppo delle attività del museo e renderlo accessibile a tutti più regolarmente.

• Association du Quartier Léopold

Segno qui!